Menu

Sabato 4 ottobre 2014 - Studio 2, RSI Lugano - Besso - entrata libera
Premio Istituito dalla Città di Lugano e dalla Radiotelevisione svizzera

Premio Möbius Multimedia Lugano 2014

Presentazione alla Giuria e al pubblico


14.00 -14.30

Grand Prix Möbius editoria in transizione


Il prodotto di qualità innovativo
Area linguistica italiana

I tre prodotti di qualità finalisti:

  • BIBLEWORLD. La bibbia come non l’avete mai letta, Edizioni San Paolo, Milano
  • ¡PISTA LIBRE!. Curso de español, Loescher Editore, Torino
  • LE ORIGINI DI VENEZIA, ASH Multimedia, Vicenza


14.30 -15.00

Grand Prix Möbius Suisse


l’applicazione svizzera di qualità nell’editoria avanzata

Le tre applicazioni di qualità finaliste

  • NEWSCRON I vostri giornali in una sola app
  • TIMEREPUBLIK La banca del tempo
  • LUGANOW L’app per viaggiare nel tempo


15.00 -15.15

Premio Speciale Möbius Giovani


Progetto di comunicazione culturale multimediale. Un'idea da sviluppare.
Rivolto a studenti del corso di applicazioni multimediali e nuovi media dell’Università della Svizzera italiana

Cultura, tecnologia e comunicazione. Una proposta per il LAC
"Per aver saputo interpretare brillantemente e con creatività un compito di comunicazione culturale, mediante un uso accorto di nuove tecnologie che ha bilanciato con efficacia esigenze di semplicità, qualità e sostenibilità."

Pausa (con la possibilità di provare i Google Glasses presso un’apposita postazione)

15.45 – 17.45
Simposio su

“Patrimonio culturale, realtà aumentata, editoria digitale”



Il laboratorio dei contenuti digitali vede la gestione del patrimonio culturale e l'evoluzione dell’editoria in prima fila nella ricerca di nuovi modelli economici e di nuove esperienze di fruizione e di lettura. Nelle nuove forme di accesso al patrimonio culturale e nel passaggio al digitale si giocano nuove identità della cultura, con soluzioni ibride come la realtà aumentata per l’attività museale e l’editoria (“augmented museum”, “augmented publishing”) o con l'internet delle "tante cose" (internet delle cose, “internet of things”) sempre più "intelligenti" come gli smart glasses, i nuovi occhiali di cui si parla tanto ma che per il momento si vedono poco.


18:00

Premiazione e rinfresco




Il 4 ottobre 2014 il Premio Möbius Multimedia Lugano (www.moebiuslugano.ch), ), che tradizionalmente si prefigge di valorizzare le opere multimediali di qualità, giunge alla sua diciottesima edizione. Per un premio multimediale diciotto anni sono un periodo lunghissimo, che presuppone si siano nel frattempo succedute sostanziali evoluzioni in grado di accompagnare e incoraggiare nel corso di questi anni lo sviluppo di applicazioni multimediali di qualità. Dopo essere stato per tanti anni esclusivamente rivolto a prodotti multimediali in lingua italiana, per il settimo anno il Premio Möbius Multimedia Lugano, oltre al tradizionale Grand Prix Möbius per l’area linguistica italiana, assegna il Grand Prix Möbius Suisse: in questa edizione ci si occuperà di applicazioni di qualità nell’editoria avanzata.



Anche in questa edizione il Grand Prix Möbius per l’area linguistica italiana, tenendo presente la complessità a vari livelli in cui si trova l’editoria tradizionale in lingua italiana (e più in generale europea) di fronte all’avvento del digitale su scala globale e di fronte al predominio dei grandi della rete quali Amazon, Apple, Facebook, Google, Microsoft, dedica la sua attenzione a prodotti multimediali e crossmediali particolarmente innovativi, che tentano di mostrare percorsi praticabili e obiettivi ambiziosi a quella che oggi è a tutti gli effetti un’editoria in transizione.

I due Grand Prix Möbius assegnati a Lugano parteciperanno di diritto al susseguente Prix Möbius International, in fase di ridefinizione in una sua rinnovata veste, che si è svolto negli anni passati a Parigi, in alternanza con altre città rappresentanti uno dei comitati Möbius sparsi nel mondo. Finora il Prix Möbius International, oltre che nella sede centrale a Parigi, ha avuto luogo a Pechino, Atene, Ile de la Réunion, Montréal e Bucarest.

Viene inoltre riproposto lo spazio di Möbius Giovani, nel quale viene assegnato un Premio Speciale a studenti del corso di applicazioni multimediali e nuovi media dell’USI che presentano una proposta innovativa e praticabile per il settore museale.

Il simposio di quest’anno è dedicato a “Patrimonio culturale, realtà aumentata, editoria digitale”, con la gestione del patrimonio culturale e l'evoluzione dell’editoria in prima fila nella ricerca di nuovi modelli economici e di nuove esperienze di fruizione e di lettura, tema che verrà illustrato dagli interventi puntuali di cinque relatori d’eccezione, con introduzione e dibattito a seguire condotto da Gino Roncaglia, informatico umanista.